Colori in movimento

Pubblicato il dicembre 2. 2022

News

Del


Color in motion
Dai limiti delle sue emozioni alle torte al limone. Scopri di più su come Move™ rafforzi il processo creativo di Astri e cosa secondo lei dovremmo tutti imparare dall'arte.

Parlaci un po' di te Astri, da dove vieni, dove vivi e dove crei la tua arte.

Mi chiamo Astri Styrkestad Haukaas, ho 36 anni e sono Norvegese, ho vissuto a Holmlia, Oslo fino a 12 anni, quando ci siamo trasferiti in una fattoria ad Ål a Hallingdal. Ma ora vivo e lavoro a Nørrebro, Copenaghen, dopo essermi trasferita qui nel 2010.

La tua arte rapisce lo spettatore, quali sono i riferimenti dietro la tua creatività e le tue creazioni? Cosa fa nascere l'idea dietro un dipinto?

Grazie per averlo detto. Lo adoro. Il mio soggetto è la natura, filtrata dalla memoria soggettiva; la natura, la natura umana e gli esseri umani nella natura. Penso molto a come la natura possa essere il catalizzatore di grandi esperienze corporee e questo mi affascina fino al midollo. Mi piace pensare a come gli esseri umani creino relazioni profonde e personali con la natura - luoghi, montagne e laghi. Mi affascina come abbiamo bisogno di connetterci e nello stesso tempo di prendere le distanze da essa. Noi identifichiamo la natura in un modo molto curioso; questo è naturale, e questo non lo è. Siamo umani, questa è natura. Voglio dire, io sono natura e tu sei natura. E anche la pietra che ho in tasca è un pezzo di natura.

Mi piace pensare che mia madre, dopo la sua scomparsa nel 2009, faccia parte della natura. Lei esiste nei miei ricordi e nella natura che mi circonda. È confortante e radicante. E in alcuni luoghi specifici la trovo presente in modo molto chiaro. Questo innesco emotivo e questo conforto mi hanno ispirato molto. Lavoro tanto con il contrasto che c'è nella pietra e nell'acqua, e penso che l'autrice Rebecca Solin lo spieghi magnificamente qui:

”Il Canyon non è altro che uno straordinario esempio del potere dei deboli, che è l'acqua, sul forte che è pietra. I canyon laterali lo hanno dimostrato più apertamente, quegli alti canyon stretti attraverso pareti di pietra levigata con un ruscello ingannevolmente dolce sul fondo.”

Ma anche, ciò che le pietre simboleggiano nelle diverse culture mi affascina. Lo stesso vale per l'acqua. Gli esseri umani hanno sempre interrogato la natura, per capire la nostra stessa natura umana. Lo trovo interessante, e trovo nuove idee ogni volta che ne leggo, ci penso e ne parlo e ci lavoro. Le poesie scritte e le parole di scrittori straordinari mi aiutano a capire il mio lavoro sull'argomento; il poeta Tor Ulven e Olav H. Hauge e l'autrice Rebecca Solnit per esempio, sono tre autori che mi piace leggere.

Penso che tutti i miei dipinti siano estensioni l'uno dell'altro e le parole che ho messo in fila, le parole che accompagnano i dipinti, non li spieghino, eppure sono in qualche modo una continua indagine sugli esseri umani nella natura e sulla natura negli esseri umani. O una storia che continua. Tutte le serie di opere che mostro sono legate a quelle precedenti. Un filo rosso che potrebbe essere visibile, e forse no.

In questo link trovate una serie di dipinti per capire meglio i miei lavori precedenti.

Move by Per Øie
Move by Per Øie
Move by Per Øie

 

Quando hai iniziato a dipingere e come si sono evoluti la tua arte e il tuo stile da allora ad oggi?

Ho studiato arte e leadership creativa. Dipingevo già da bambina, come abbiamo fatto tutti. Ho semplicemente continuato ad andare avanti, e ora è quello con cui lavoro. Mi sono presa pause dalla pittura, lunghe e brevi e spesso faccio altre cose contemporaneamente, ma ritorno sempre. Anche quando non dipingo fisicamente, continuo a farlo nella mia testa.

Ho sempre lavorato con la natura come punto focale. Prima in modo più figurativo e poi più espressivo. Causa ed effetto sono e sono sempre state parti importanti del mio lavoro. Il processo stesso e il modo in cui i materiali che uso reagiscono l'uno all'altro. Quello che succede sulla tela con i diversi tipi di vernice e i colori ha tutta la mia attenzione ed è forse l'unico momento in cui riesco veramente a concentrarmi. Il primo stadio è molto semplice in un certo senso. Nessuna regola o piano. Uso una base molto acquosa e acrilico per cominciare, quindi aggiungo vernice spray, inchiostro acrilico, pittura ad olio o altri tipi di vernice. L'acqua lascia che i materiali reagiscano liberamente e permette al pigmento di muoversi in modo da poter fare un passo indietro e guardare ciò che accade. Questo crea la base su cui continuo a lavorare più consapevolmente.

Una cosa forma l'altra: è una serie di azioni in cui una mossa viene attivata dalla precedente e così via. Ci vuole esperienza, concentrazione ed emozione per creare un dipinto. È già nel mio corpo, una cosa che ho bisogno di creare. E nasce con la tela e la pittura.

Move by Per Øie

 

Ci sono luoghi, paesi o culture che ispirano la tua creatività?

La fattoria della mia famiglia è in un villaggio di montagna, chiamato "støl" in Norvegese, a Skarvheimen a Hallingdal. Conserva così tanti ricordi e la natura circostante significa qualcosa di molto importante per me. Traggo così tanta della mia ispirazione da li, i colori esprimono ciò che mi accade emotivamente quando sono lì o quando desidero essere lì, e il ricordo della sensazione di essere lì.

Cosa significa per te il colore?

La palette di colori è molto importante e spesso è tratta da un'immagine che ha attirato la mia attenzione durante le escursioni. Di solito è da lì che comincio. E poi lascio che si evolva.

Che tipo di atmosfera senti e speri di creare e incanalare attraverso i tuoi lavori?

Spero che i miei dipinti siano aperti e lascio che la persona che si ferma a guardare porti le proprie esperienze, ricordi o storie al suo interno. Spero che i titoli e i testi possano funzionare come un accompagnamento e non come un enigma da risolvere.

La sensazione di arrivare a un punto ed essere pronta a lasciare che il dipinto continui senza di me, questo è ciò che è importante per me e che mi dice che un dipinto è finito. Continuerà senza di me quando qualcuno si fermerà a guardarlo. Questo è il meglio che posso chiedere e tutto ciò che spero.

Raccontaci di un ricordo in cui hai avuto veramente l’impressione di vivere l'arte.

Questo è uno dei primi che riesco a ricordare. Quando ero bambina, avevamo un libro per bambini illustrato da Bodil Cappelen e i dipinti e le illustrazioni in quel libro erano così colorati e, in un certo senso, grotteschi. Non ricordo come si chiamasse il libro, ma ricordo di essere rimasta affascinata dai disegni e incuriosita dalle emozioni che riuscivano a comunicarmi in qualche modo.

Amo anche ogni volta che l'arte, dalla musica e dalla letteratura alla poesia o alle belle arti, mi commuove fino alle lacrime, mi commuovo molto facilmente e amo sentire i limiti esterni delle mie emozioni.

Move by Per Øie
Move by Per Øie

 

Ci racconti una delle tue creative e stimolanti giornate in studio, Astri?

Vado in studio tutti i giorni. Il mio è un lavoro a tempo pieno. Arrivo verso le 9 e torno a casa verso le 5. Quando ero più giovane, credevo di poter lavorare solo quando sarebbe arrivata l'ispirazione e, in questo senso, non avevo una struttura nella mia giornata lavorativa. Ma ho scoperto che l'ispirazione arriva in tutti gli aspetti della mia vita ed è in qualche modo costante e fugace allo stesso tempo. Quindi, spostare la prospettiva dall'attesa dell'ispirazione al fatto di essere sempre pronta per essere ispirata ha fatto molto per cambiare il mio processo di lavoro. Come chiunque altro, ho bisogno di essere presente per fare qualcosa. Raccolgo ispirazioni o impressioni in modi diversi; ricordo a memoria le sensazioni che non hanno parole o usando una app di note o facendo foto con il telefono. Quando sono ispirata, scrivo le parole o le memorizzo attraverso le immagini. Gran parte del mio lavoro avviene al di fuori, ma in studio, traduco queste impressioni su tela, che è il mio mezzo preferito su cui lavorare.

A volte vado in studio e mi permetto di non "produrre" nulla. Perché anche solo essere lì, leggere, pensare, giocare, rispondere alle e-mail, fa parte del lavoro.

Una buona giornata in studio è quando sono stata produttiva e in movimento. E se non succede, non è un problema, lo sarò domani. A volte lavoro in modo caotico. Ciò significa che spesso ho periodi in cui dipingo molto senza intellettualizzare o cercare di dare un senso, lavoro in flusso guardando ciò che accade sulla tela. E poi periodi in cui non dipingo molto, ma leggo parole di altri, penso e guardo il mio lavoro e parlo con gli altri del loro lavoro, vado alle mostre e faccio lunghe passeggiate. Anche il mio tempo nella natura nella fattoria della mia famiglia mi porta a tornare al lavoro con un ricordo o una foto o un pensiero. Inoltre, una buona giornata in studio prevede sempre una buona pausa pranzo e un buon caffè.

In che modo Move accompagna e supporta al meglio te e il tuo lavoro nella tua giornata lavorativa?

ADORO il modo in cui mi incoraggia a muovere il mio corpo mentre sono seduta. Lavorare sui dipinti, specialmente le tele più grandi, è pesante per la schiena e il collo, quindi ha fatto per me una grande differenza.

Hai scelto il tuo Move in giallo, cosa significa per te il colore?

Giallo significa fresco, stimolante, un sapore aspro e intenso come una torta lemon curd. Ora che sto scrivendo queste parole è come se vedessi i miei amici intorno a un tavolo da pranzo. Potrei usare le stesse parole per descrivere l’amicizia. Grintoso, edificante, intensa energia – AMORE.

Move by Per Øie
Move by Per Øie

 

Quali sono le tre cose migliori di Move che hai imparato ad apprezzare, di cui non puoi più fare a meno dopo averlo scoperto?

Posso davvero sentire quanto sia meglio per il mio collo e la mia schiena lavorare così. Ed è una sensazione bellissima. E il modo in cui tiene attivo il mio corpo invece di renderlo teso stando seduta in posizioni statiche tutto il giorno.

Consiglieresti Move a un amico? E a quale amico e perché?

Lo consiglierei in qualsiasi posto di lavoro che abbia persone che lavorano a una scrivania. Si dovrebbe investire in buoni strumenti di lavoro per i dipendenti. Lo consiglierò anche a tutti i miei colleghi artisti.

Sono previsti tuoi nuovi progetti per il 2023? Mostre in galleria, installazioni artistiche, progetti creativi?

SÌ! Presenterò una nuova collezione di lavori a Febbraio, grazie alla galleria Tappan Collective che mi rappresenta. Se vuoi avere una notifica per sapere quando sarà pronta una visualizzazione online vai qui e fai clic su "segui Astri". I lavori in mostra sono quelli i lavori su cui sto lavorando mentre parliamo.

Ultimo, ma non meno importante, perché l'arte è importante ora e domani?

Questo è qualcosa di cui potremmo parlare per anni e anni. Ma se dovessi dire una sola cosa al riguardo, penso che quando l'arte è al suo meglio in qualche modo ti espande. L'arte dovrebbe espanderti. Ma come e in che modo è molto individuale. Potrei continuare ancora su questo argomento che è molto vasto e molto importante, quindi per favore, andate tutti a vedere arte, l'arte fatta da diversi tipi di persone. E parlatene dopo. Possiamo imparare molto, imparando a porre domande importanti dall'arte.

Move by Per Øie
Move by Per Øie

 

Scopri Move™
Seguire Astri


Related Posts

Varier Move Per Øie Maria Black

Incontriamo Maria Black

Maria Black si è diplomata in orificeria nel 2009, poco prima di iniziare a vendere i suoi primi design al Sunday Upmarket di Londra. Scopri...

Ekstrem™ in Gentle Green

Ekstrem™ e il tessuto Gentle

Jos Pelders, il fondatore di Febrik, azienda del gruppo tessile Kvadrat, ha fatto due chiacchere con noi tra un trasferimento in aeroporto e...

Marie Jedig sitting on Ekstrem in Port in her Copenhagen apartment

Una casa giocosa a Copenaghen

Se Marie non lavorasse come creatrice di contenuti, passerebbe la sua vita sul palcoscenico, vivendo il suo amore per il teatro ed i musical...